LoretoToday

Cerca di strangolare la ex davanti ai carabinieri

Arrestato

Arrestato dai carabinieri (Repertorio)

Alle cinque di pomeriggio si è presentato sotto casa della sua ex compagna, con cui è finita da qualche mese dopo circa quindici anni di convivenza. Non era la prima volta: in una occasione le aveva anche bucato le gomme dell'auto, tanto che la donna aveva presentato una denuncia in questura il 15 luglio.

La donna - una 62enne, mentre lui ha due anni in meno - non è scesa ma anzi ha chiamato il numero di emergenza 112. Sul posto, in via Ugo La Malfa (quartiere Adriano), si sono presentati i carabinieri. Lui, visibilmente alterato (si scoprirà, poi, sotto effetto di cocaina), si è subito rivolto ai militari dicendo: «Arrestatemi, sennò l'ammazzo».

I carabinieri hanno iniziato a prendere le generalità dell'uomo, e a quel punto la sua ex compagna è scesa per spiegare i fatti e lui, dopo un primo momento di calma, ha fatto per avventarsi contro di lei e stringerla al collo. Immediatamente i carabinieri lo hanno staccato da lei e lo hanno portato nell'automobile di servizio. 

Cerca di strangolare l'ex compagna: precedente per sequestro di persona

L'uomo è stato poi arrestato per maltrattamenti e resistenza a pubblico ufficiale. Addosso gli sono stati trovati quattro grammi di cocaina, di cui fa un uso costante. Anzi, la separazione era motivata proprio dalle continue richieste di denaro all'ormai ex compagna per procurarsi la droga. Lui, infatti, è ufficialmente disoccupato anche se sporadicamente collabora con un'agenzia di pompe funebri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 60enne ha diversi precedenti. In particolare, nel 1980 sequestrò e rapinò a Sondrio (insieme ad alcuni complici) un imprenditore e, per questo, venne condannato a ventidue anni di reclusione. Se ne fece sette e poi fu liberato. Successivamente collezionò altri precedenti penali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Coronavirus, "in Lombardia magheggi sui numeri per riaprire". Il Pirellone: "Non è vero". E querela

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Francesco, 18 anni e i polmoni "bruciati" dal Coronavirus: salvato col trapianto da record

Torna su
MilanoToday è in caricamento