LoretoToday

Via Padova, da oggi la nuova ordinanza

E' stata firmata nel week end dal sindaco Moratti la nuova ordinanza su via Padova: i ristoranti torneranno a chiudere alle 2 e non a mezzanotte. Da oggi, al via anche i controlli sul deposito dei contratti d'affitto

"Il sindaco ha firmato la nuova ordinanza che riguarda la limitazione oraria dei pubblici esercizi con il ripristino alle 2 dell'orario di chiusura dei ristoranti. E che rivede l'estensione territoriale del provvedimento, interessando le seguenti vie: Padova (fino al ponte ferroviario, ovvero esattamente dai civici 2 a 100, lato pari, e da 1 a 93 lato dispari), Arquà, Bambagia, Bassano Del Grappa, Bolzano, Cecilio Stazio, Chavez, Cibrario, Clitumno, Conegliano, dei Transiti, Fanfulla da Lodi, Giacosa, Guinizzelli, Marco Aurelio, Marco d'Aviano, Merano, Mornadi, Mosso, Pasteur, Pietro Crespi, Predabissi, Pria Forà, Roggia Scagna, Rovereto, Termopili, Temperanza, Turro". Lo comunica il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo de Corato, ricordando che oggi l'ordinanza verrà pubblicata per 15 giorni all'albo pretorio.

  I ristoranti torneranno a chiudere alle 2 di notte  


"La sospensiva del Tar - spiega De Corato - aveva lanciato un segnale che andava ascoltato. Il nuovo provvedimento restringe infatti le limitazioni degli orari dei pubblici esercizi all'area più prospiciente a dove è accaduto il grave fatto delinquenziale del febbraio scorso".
Ovvero al solo tratto di via Padova da piazzale Loreto al ponte ferroviario che taglia l'asse commerciale, incluse naturalmente le vie trasversali. Un'area di circa 8 km di strade, rispetto agli 11 dell'ordinanza precedente, e che comprende diverse centinaia di esercizi. "Un'ordinanza, quella sospesa dal tribunale amministrativo regionale, che comunque era stata sostanzialmente rispettata, come dimostrano le 46 sanzioni inflitte dal 25 marzo scorso", specifica De Corato.

  Al via i controlli sulle autocertificazioni degli immobili  


Da oggi scatteranno anche i controlli negli stabili nell'area di via Padova, compreso l'intero asse commerciale, per controllare il rispetto dell'ordinanza sul deposito dei contratti di affitto. Il provvedimento aveva dato, infatti, un mese di tempo per la consegna delle schede autocertificative dei contratti (precedenti al 25 marzo) ai Comandi della Polizia Locale. A oggi sono 706 quelle presentate, di cui 381 da proprietari e 325 da affittuari. E sono 30 le situazioni di irregolarità inviate dagli amministratori condominiali.
"Con questo strumento - sottolinea De Corato - avremo più facilità nel determinare le situazioni di irregolarità e di affitto in nero. E i vigili saranno agevolati nei controlli nel capire chi ha diritto a stare in uno stabile e qual è la reale proprietà. Bisogna però tenere presente che molti proprietari hanno inviato la documentazione per posta. Dunque le sanzioni non saranno così immediate".

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Perchè è importante cambiare le lenzuola del letto

  • Piante grasse in casa: ecco perchè fano bene alla salute

  • Disattivare le utenze: ecco come fare

I più letti della settimana

  • Sabato di maltempo a Milano: allerta meteo arancione della protezione civile per temporali

  • Milano, "tentato suicidio" a Famagosta: donna sotto la metro, la M2 ferma per un'ora e mezza

  • La Gomorra africana a due passi da Milano: spaccio, armi e sparatorie fra le gang rivali

  • Milano, polizia locale in lutto: morta Stefania, vigilessa di 40 anni della centrale operativa

  • Milano, nubifragi e grandine: il Seveso esonda due volte, strade e sottopassi allagati in città

  • Morto il musicista milanese 'Marione': fu il chitarrista di Battiato

Torna su
MilanoToday è in caricamento