LoretoToday

Caterva di arresti in Centrale durante le feste: borseggiatori, ladri e spacciatori

Il bilancio dell'attività della polizia ferroviaria

Repertorio

Undici gli arresti da parte della polizia ferroviaria lombarda durante le festività di Natale 2019 e Capodanno 2020. Il bilancio è stato diffuso dalla questura di Milano e riguarda il periodo dal 18 dicembre al 6 gennaio. In tutto sono state identificate 10.115 persone, undici sono state arrestate e 187 indagate. L'attività della polizia ferroviaria ha riguardato 1.412 servizi di vigilanza nelle stazioni e 505 servizi di scorta a bordo di 1.208 treni. 

Gli agenti hanno rintracciato 7 miniori e elevato 47 multe ai sensi del regolamento di polizia ferroviaria. 95 sono stati i servizi anti borseggio, 5 i pattuglioni straordinari organizzati. Tra gli arresti, quello (il giorno di Natale) in Stazione Centrale a Milano di un tunisino di 61 anni che, dopo un controllo, risultava colpito da un ordine di carcerazione di oltre nove anni emesso dalla procura di Venezia. Arrestato anche un 31enne della Romania che deve scontare più di cinque mesi di reclusione per ricettazione, su ordine della procura di Arezzo. 

Un 18enne è stato trovato a bordo di un treno, all'altezza di Monza, con oltre 500 euro in contanti, un tirapugni e due etti di hashish con un bilancino di precisione. Il giovane, di origini pakistane, è stato arrestato (e posto ai domiciliari) per spaccio di droga e porto abusivo d'armi. Un algerino di 28 anni è stato invece arrestato il giorno di Capodanno in Centrale: entrato in un bar, ha rubato uno zaino a un turista e si è dato alla fuga, ma gli agenti lo stavano tenendo d'occhio e lo hanno bloccato appena uscito dal locale. Un 21enne della Somalia è stato arrestato, sempre in Centrale, dopo che a suo carico è risultato un provvedimento di custodia cautelare in carcere per violenza sessuale.

Un marocchino di 28 anni e un algerino di 21 sono stati arrestati per furto aggravato: i due hanno seguito una coppia di ragazzi dentro un bar della Stazione Centrale; poi, mentre uno dei due faceva da "palo", l'altro ha rubato uno zaino a un giovane, ma entrambi sono stati bloccati. La vittima non s'era accorta di nulla. Un marocchino di 27 anni è stato arrestato, sempre in Centrale, perché deve scontare 4 anni e mezzo per un cumulo di pene. Stava bivaccando in un punto della stazione che sarebbe inaccessibile ai viaggiatori e aveva con sé, tra l'altro, tre tablet di cui non ha potuto giustificare la provenienza. E un 24enne del Marocco aveva un cumulo di pene per oltre due anni: anche lui, in Centrale, è stato arrestato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Assalto al portavalori in autostrada A1: inferno di fuoco a San Zenone

  • Smog, livelli di pm10 ancora alti: blocco totale delle auto a Milano domenica 2 febbraio

  • Milano, incubo per una 12enne sull'autobus: uomo la palpeggia a lungo sulla 91, arrestato

  • Coronavirus, tre donne cinesi con la febbre visitate al Sacco. Salta il Capodanno cinese

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

Torna su
MilanoToday è in caricamento