LoretoToday

Via Padova, addio al murale iconico della santa-bambina: deturpato da un altro disegno

A denunciarlo il gruppo social di zona 'Via Padova viva'

Foto Fb/Via Padova viva

È stato coperto da un disegno di una mazza ferrata attaccata a una sfera che vuole rappresentare il coronavirus. Addio allo storico wall della 'santa-bambina' di via Padova - via Pontano. Ad esprimere sdegno per il deturpamento è il gruppo Facebook 'Via Padova viva'.

"Lo scempio grosso - si legge nella pagina social - è nella bruttura e nella mancanza di rispetto per il territorio, un pugno in faccia a tutti noi per l'ego di uno o piu sedicenti artisti d'accatto. Per quanto effimera la street art è pur sempre arte, pubblica e urbana e si relazione al territorio e i suoi cittadini, agli altri artisti, alla memoria, ci sono regole precise anche se non scritte".

"È vero che l'opera non era in un museo - continua la pagina dedicata ai residenti della zona - ma era diventata icona di una identità multietnica territoriale, emblema della coesione sociale in atto a fatica". A Sef 01, l'artista peruviano che aveva realizzato il wall della 'santa-bambina' insieme ad Hadok, è stato chiesto di ripristinare la sua opera.

santa bambina-2

(Com'era l'opera, foto Fb/Via Padova viva)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il murale della santa-bambina

L'immagine deturpata, conosciuta da tutti gli abitanti del quartiere e da chiunque passasse a piedi o sulla 56 in via Padova, rappresentava Santa Sarita di Colonia come una bambina con due pistole ad acqua. Sarita, non riconosciuta come santa dalla Chiesa ma molto popolare in Perù, nacque nel 1914 e morì nel '40. In vita si occupò degli ultimi, i più poveri, gli immigrati clandestini, le prostitute, gli omosessuali. Considerata protettrice degli emarginati e dei meno privilegiati, la santa-bambina era stata rappresentata in via Padova come omaggio al melting pot culturale della zona e alla comunità latina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un pullman di linea: turista milanese muore sul Lago Maggiore

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Milano, incentivi fino a 21mila euro per le partite Iva che cambiano auto: come chiederli

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento